Newsletter Viaggi Tribali:

Regole per il gorilla-trekking in Uganda

Anche la nostra sola vicinanza ai gorilla potrebbe essere fonte di problemi, ad esempio per la trasmissione, da noi a loro, di malattie che potrebbero anche nuocere gravemente a questi ultimi esemplari e costituire addirittura una minaccia per l’intera specie. Per questa ragione si verrà istruiti, prima di un gorilla-trekking, a seguire alcune semplici regole di comportamento, una sorta di “bon ton da gorilla”.

 

Alcune regole da adottare:

 

1. Non avvicinarsi o lasciarsi avvicinare dai gorilla a meno di sette metri

 

2. Non partecipare al gorilla trekking se raffreddati o con qualsiasi altra affezione trasmettibile

 

3. Non mostrare ai gorilla cibi e bevande, non fumare e non abbandonare nulla per terra. Anche per i nostri bisogni, scavare una piccola buca di almeno 30 cm e ricoprirla alla fine.

 

4. Non usare assolutamente flash e non creare rumori fastidiosi

 

5. Seguire le indicazioni dei rangers-guida e non allontanarsi mai dal gruppo

 

6. Mantenere un tono di voce basso

 

7. Non guardare direttamente negli occhi il capobranco (il “silverback” il maschio dominante dalla schiena argentata),   potrebbe essere inteso come atto di sfida

 

8. Nel caso di una carica da parte del gorilla dominante, mantenere la calma e NON SCAPPARE, accovacciarsi e tenere lo sguardo basso e tutto si risolverà in una dimostrazione di forza da parte del silverback

 

9. Il tempo concesso per l’incontro con i gorilla è di un’ora al massimo, ma nel caso di condizioni particolari, la guida deciderà di accorciare la durata dell’ incontro

 

10. Se durante la visita ci venisse da starnutire o tossire  allontaniamoci  o voltiamoci dalla parte opposta rispetto agli animali.